Articoli

Posts Tagged ‘GAMeC Bergamo’

Quando Malevich inventò l’astrattismo. AllaGAMeC di Bergamo

Posted by Simona Maggiorelli su gennaio 6, 2016

Malevich

Malevich

A cento anni dalla nascita del Suprematismo, la GAMeC di Bergamo ospita, fino al 17 gennaio 2016, una bella retrospettiva ( qui un breve video) del pittore russo Kazimir Malevich, con una settantina di opere scelte da Eugenia Petrova, vice direttore del Museo di Stato Russo di San Pietroburgo, con la collaborazione di Giacinto Di Pietrantonio. Nelle sale del museo si può ripercorrere il variegato percorso di questo artista che, insieme a Kandinsky, può essere considerato l’iniziatore dell’arte astratta nel Novecento.

Mentre negli anni Dieci Pablo Picasso scomponeva la figura andando alla ricerca di un’immagine via via sempre più sintetica ed essenziale, fatta di sola linea, Malevich la abbondonava completamente, rifiutando la visione retinica e aprendo la strada all’astrattismo contemporaneo con opere come Quadrato rosso e Quadrato nero.  Precedendo i tempi. Quando il 17 ottobre del 1917 scoppiò la rivoluzione, infatti, l’artista russo aveva già concluso quel periodo di sperimentazione suprematista.

A Bergamo, in particolare, colpisce la forza di Quadrato rosso ovvero Realismo pittorico di una contadina in due dimensioni.«Il quadrato è un vivo infante. Il primo passo della creazione pura in arte». In Malevich, come racconta la curatrice, tutta la poetica del colore è elaborata a prtire dalla sensazione. E incentrata sull’umano, cercando l’uomo nuovo anche attraverso l’arte. «Una volta assestata l’economia, non rimarrà altro che migliorare se stessi, vale a dire che per la prima volta, ci occuperemo della creazione dell’uomo.. e otteremo una nostra immagine più completa». Ma in questo Quadrato rosso forte è, oltre al rapporto con la cultura contadina, quello con la tradizione russa delle icone.

E se il nero per Malevich è il colore dell’economia che stritola la povera gente, il rosso per lui era il colore della rivoluzione fin dal 1915, come si evince dalla data di questo celebre quadro. L’artista russso era arrivato a questa conclusione radicale ed estrema – un quadrato rosso, su campo bianco – dopo aver attraversato un periodo simbolista, come raccontano in mostra opere come Paesaggio con casa gialla , 1906 e Autoritratto del 1907 che evocano uno stile alla Gustav Klimt.

malevich, testa di contadino

Malevich, testa di contadino

Con un radicale rinnovamento del proprio modo di dipingere, qualche anno Malevich dette vita al movimento cubo-futurista, mutuando da Braque e Picasso la tecnica del collage e dal futurismo l’idea che il nuovo e la bellezza della vita moderna avessero a che fare con la velocità e con la tecnica come potenziamento dell’identità umana.

Lontano dallo spirito guerrafondaio dei futuristi italiani, quando Marinetti andò in tour in Russia, Malevich era già oltre, inseguendo la realizzazione di  nuove idee e progetti. «Malevich era totalmente disinteressato. Non inseguiva il successo, la carriera, il denaro, gli agi- non aveva bisogno di tutto ciò -. Era , per così dire, innamorato delle proprie idee», raccontava d lui lo storico della letteratura Michail Bachtin che lo aveva conosciuto e frequentato a Vitebsk, fra il 1920 e il ‘22, come ricorda  Jean-Claude Marcadé nel catalogo Gamm Giunti  che accompagna questa mostra. Che culmina con la ricreazione de La Vittoria sul Sole, prima opera totale di musica, arte, poesia e teatro, creata con Matjusin e Krucenych.

 

( Simona Maggiorelli, settimanale Left)

E un interessantissimo articolo dal blog Pandemonium di Kenan Malik:

The drama of russian Avant gart

In France, the emergence of modernism in art, from Impressionism to Cubism, spanned half a century. In Russia, the avant-garde emerged and disappeared in little more than a decade, from around 1910 to the early 1920s. French avant-garde movements, succeeded each other, in an orderly progress – Impressionism, Pointilism, Fauvism, Cubism. In Russia, a tumult of avant-garde movements – Neo-Realism, Neo-Primitivism, Rayonism, Suprematisism, Constructivism, Non-Objectivism, Futurism –  tumbled forth almost simultaneously, their proponents often challenging each others’ perspectives. From the poetic Romanticism of Marc Chagall to the radical abstraction of Kazimir Malevich, the Russian avant-garde stretched the imagination as rarely before.

‘Neither before or after that period of time in the history of art’, observes curator Klaus Albrecht Schroeder, in the introduction to ‘Chagall to Malevich: The Russian Avant-Gardes’, an exhibition now showing at the Albertina gallery in Vienna, ‘were schools and artists’ associations founded with such breathless haste like in Russia between 1910 and 1920. Each group was a programme, each programme a declaration of war, not only on the past, but also on the rivalling present.’

The Albertina exhibition brings together 130 works by Mikhail Larionov, Natalia Goncharova, Marc Chagall, Kazimir Malevich, Lyubov Popopova, Olga Rozonova, Vladimir Tatlin, Nathan Altman, El Lissitzky, Pavel Filonov, Aleksandr Rodchenko, Wassily Kandinsky, and many others, to illustrate, in Schroeder’s words ‘the co-existence of irreconcilable aesthetic approaches’, and the ‘simultaneity of the non-simultaneous’, a phrase borrowed from the German Marxist philosopher Ernst Bloch. It is a stunning show, retelling the story of the Russian avant-garde and tracing in ’11 chapters’ both the dynamic developments of different styles, and the chronological parallels between figurative expressionism and pure abstractionism.

The Russian avant-garde drew upon western European developments, of course, from post-Impressionism to Cubism to Futurism, and beyond, but it also developed and transformed that raw material, often in astonishing ways. It is difficult to think of another period, certainly in the post-Renaissance world, so short in time and yet so rich in artistic innovation.

The background  of the artistic avant-garde was the struggle for the social transformation of Russian society, and the desire to break the shackles of Tsarist feudalism. What linked the various movements was ‘their common idea of progress and their radical rejection of handed-down movements’.

Russian avant-garde begins in the shadow of the 1905 Revolution with the Neo-Primitivism of Natalia Goncharova and Mikhail Larionov. Drawing inspiration from Russian folk art, Neo-Primitivism borrowed the flat forms and the bold colours of Fauvism and German Expressionism. Larionov and Goncharova then pioneered Rayonism, with a manifesto calling for the autonomy of painting from naturalism, laying the ground for a total break with any form figurative or representational art. Kazimir Malevich, along with  artists such as Alaxandra Exter and Lyubov Popova, experimented with Cubism and Futurism, before Malevich in particular moved towards total abstraction with Suprematism. Vladimir Tatlin, Alexander Rodchenko and El Lisstzky developed a different form of geometric abstraction in Constructivism.

It was the Bolshevik Revolution of 1917 that, in seeming to give concrete expression to Utopian ideals, transformed the social meaning of the artistic avant-garde. The leading artists all welcomed the Revolution, and some, Malevich and Rodchenko in particular, politically embraced the Bolshevik programme. In post-revolutionary Russia, artists sought not just to bring art to the masses, but also to use it, from architecture to photography, to transform society and to create the ‘New Man’.

The relationship between revolution and art was a double edged sword. On the one hand, it gave artists – and art – a new social role, and intensified the creativity that flowed from the sense of  breaking the old shackles and creating the world anew. On the other hand, that new world helped devour both art and artists. Not only was the line between art and propaganda increasingly difficult to draw, but it was the state that now began to define what was good and bad, acceptable and unacceptable, art. Anatoly Lunacharsky, the first Bolshevik Commissar of Education, and responsible for art and culture, dismissed the idea that artists could be granted ‘autonomy’. ‘Everything must be harmony with the Revolution’, he insisted. And ‘harmony with the Revolution’ left increasingly little room for experimentation with form or for explorations of the abstract. What state functionaries required of artists was art that helped bind the masses to the Soviet state and its needs, not art that raised questions, or expanded the imagination.

The partnership between the Soviet state and the artistic avant-garde was officially terminated in 1932 when the Communist Party central committee demanded the dissolution of all groups and organizations not in line with Socialist Realism. But it had, in practice, died long before then, with Stalin’s seizure of power in 1924.

Malevich politically identified with the Revolution. That did not stop Stalin from closing down the State Institute of Artistic Culture (GINKHUK) of which he was director, or from denouncing his Suprematist works as ‘degenerate’. Artists were arrested (including Malevich himself), exhibitions shut down, publications banned. Many, such as Chagall and Kandinsky, went into exile. Until Stalin became supreme leader, the tensions between artistic demands and the demands of the state had been manageable. Stalin managed the tensions by crushing the avant-garde.

The most shocking and sad of all the rooms in the Albertina exhibition is the final one on Socialist Realism. Here we see the greatest tumult of twentieth century art reduced to the turgidness of the style that Stalin had decreed was fit for the proletariat. We can see the struggle of many artists, Malevich in particular, attempting to accede to Stalin’s dictates while trying also to cling on to at least a thread of artistic integrity. But in these final works, all the passion and invention and optimism and hope has disappeared. This was the Russian winter in art. ( forn Pandemonium )

Annunci

Posted in Arte | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

Povera sì, ma non di idee

Posted by Simona Maggiorelli su novembre 9, 2011

Pistoletto, Venere degli stracci

 Apre l’11 novembre al MADRE di Napoli un nuovo capitolo della mostra sull’Arte Povera che si snoda in vari musei italiani, da Milano a Bari. Una rassegna mosaico curata da Germano Celant e che invita a ripensare l’unico movimento artistico del secondo Novecento che , dall’Italia,  si è diffuso in tutto il mondo

di Simona Maggiorelli

Un enorme cumulo di abiti abbandonati sorgevano ai piedi di una diafana Venere. Tessuti stropicciati e ormai logori contrastavano con l’eleganza di linee e di forme di una ieratica scultura classica e canoviana. Da questo corto circuito fra registro alto e basso, fra marmo prezioso e poveri cenci, fra cacofonia di colori e bianco candido, scaturiva il dirompente impatto della Venere degli stracci di Michelangelo Pistoletto.

Era il 1967. E quella scultura sarebbe presto diventata una delle opere manifesto di una poetica nuova che, proprio in quell’anno, il ’67, Germano Celant chiamò Arte Povera, dando così un nome e una riconoscibilità a un multiforme modo di fare arte che rifiutava l’euforia della Pop Art e quell’estetica vuota e sgargiante di marca americana che, a partire dalla Biennale di Venezia del 1964, si era imposta come pensiero unico dell’arte occidentale.

Già nel dopoguerra e, prima ancora, durante la prigionia per attività partigiana, Mario Merz aveva preso a disegnare e a immaginare opere da abitare, come poetici igloo e semplici tende per una vita libera e nomade.

Mario Merz

Idealmente collegandosi ai poveri sacchi di juta che il medico Alberto Burri trasformava in opere astratte, di grande forza drammatica, negli anni in cui fu internato in un campo di concentramento a Hereford in Texas. I poveri gobbi di Burri, le sue tele lacere e corrose, arse e brunite come il sangue, furono una potente fonte di ispirazione poi per gli artisti più giovani, nati negli anni Quaranta, che (senza mai riunirsi in un gruppo esplicitamente) negli anni Sessanta e Settanta diventarono i “paladini” dell’Arte Povera: unico vero movimento di ricerca nelle arti visive che nel secondo Novecento abbia preso le mosse dall’Italia per diffondersi in tutta Europa e nel mondo.

E se lo schivo maestro umbro, Alberto Burri, indirettamente si fece mentore delle opere di nudo legno di Giuseppe Penone, delle sculture di corda di Eliseo Mattiacci, come degli spogli materassi di Pier Paolo Calzolari, un altro outsider, Luciano Fontana, dopo il suo

rientro in Italia nel ’47, con i suoi tagli e i suoi ambienti luminosi che aprivano a una spazialità nuova, fu l’ispiratore dei quadri specchianti di Pistoletto, ma anche (per l’uso del neon e l’apertura alla scienza) delle serie di Fibonacci di Merz e delle labirintiche sculture con mise en abîme di Giulio Paolini.

Penone, sculture di linfa

Ora, a quasi quarantacinque anni dalla nascita dell’Arte Povera, il critico Germano Celant propone di tornare a riflettere su questi e altri rami di un’avanguardia che usava materiali naturali e forme primarie cercando «di ridare un senso autentico alle nostre facoltà di vedere e sentire». Ci invita a ripensare l’Arte Povera e la sua ribellione all’estetica del capitalismo trionfante con un arcipelago di mostre che in otto città diverse ne stanno ripercorrono la storia. Da Milano a Bari, ogni esposizione mette a fuoco un aspetto specifico. Così alla Triennale di Milano, dal 24 ottobre scorso sono ricostruite le genealogie e l’intero arco di ricerca dell’Arte Povera, «mentre al Castello di Rivoli – racconta a left lo stesso Celant – viene riletto il significato dell’intero movimento alla luce del contesto internazionale». E ancora, alcune opere di protagonisti dell’Arte Povera prematuramente scomparsi, come Pino Pascali, sono ora riproposte alla GNAM di Roma, «mentre dal 6 ottobre scorso, al MAXXI, sono raccontati i lavori più recenti di maestri dell’Arte Povera come Gilberto Zorio», senza dimenticare che il museo del ventunesimo secolo progettato dall’architetto Hadid ha appena dato spazio a un’ampia retrospettiva di Michelangelo Pistoletto.

E ancora un’altra importante finestra sull’Arte Povera si apre l’11 novembre al MADRE di Napoli, dove prende vita la mostra Arte Povera più Azioni Povere 1968 facendo riferimento alla rassegna internazionale dallo stesso titolo, che si tenne negli Arsenali di Amalfi nell’ottobre del 1968. E ancora alla GAMeC di Bergamo il movimento “poverista” è raccontato in un percorso che straripa anche per le strade e per le piazze di Bergamo alta e al teatro Margherita di Bari. Insomma,

quella che ha preso avvio dal MAMbo di Bologna il 23 settembre scorso è una “mostra monstrum”, che si dipana nell’arco di più di un anno lungo tutta la penisola. Ad accompagnare l’evento è un monumentale catalogo pubblicato da Electa che, con i suoi trentadue saggi inediti, si candida a diventare una imprescindibile opera di riferimento per tutti i futuri studi sull’Arte Povera. Una pratica artistica e una filosofia, conclude Celant che in un’epoca di «mondializzazione dell’arte come quella stiamo vivendo, capace di integrare tutte le differenze riducendole a comodità, ha avuto il sapore di una ricerca davvero spiazzante e dirompente».

Posted in Arte | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: