Articoli

Posts Tagged ‘Matthew Barney’

Arte. La versione di Barney

Posted by Simona Maggiorelli su dicembre 10, 2009

di Simona Maggiorelli

Barney and Bjork

A quattro anni dalla sua nascita, la Fondazione Merz di Torino può, a buon diritto, vantarsi del percorso compiuto fin qui. Oggi non è solo casa museo dedicata al maestro dell’arte povera Mario Merz scomparso nel 2003, ma anche crocevia di proposte internazionali, nonché casa editrice di cataloghi e monografie su artisti d’avanguardia. Così mentre (fino al 10 gennaio 2010) la Fondazione ospita un progetto site specific dell’artista concettuale Lawrence Weiner, ispirato alla ricerca di Merz sulla prospettiva e sul rapporto fra opera d’arte e contesto, in libreria arriva la monografia dedicata a Matthew Barney, curata da  Olga Gambari riprendendo i fili della mostra e degli incontri dedicati all’artista californiano che si tennero a Torino nel 2008, con il coinvolgimento degli studenti dell’Accademia Albertina e di quelli del Dipartimento di Filosofia dell’Università di Torino.

Un volume, che in mezzo a tante pubblicazioni celebrative uscite negli ultimi anni sul visionario videomaker, ha il pregio di una freschezza immediata, fatta di dialoghi e conversazioni con l’artista mettendo tra parentesi il lato più modaiolo del suo lavoro legato ai video realizzati con la sua compagna, la cantante finlandese Björk, Il libro di Gambari edito dalla Fondazione Merz ripercorre tutta la rapida parabola dell’artista Usa (classe 1967) da quando, studente a Yale cominciava a pensare la sua immaginifica cosmologia e la sua surreale storia dell’uomo  di cui il torrenziale  The Cremaster cycle rappresenta una spiazzante summa. Al centro del film c’è l’indagine sull’essere umano nel suo singolare e specifico essere fatto di mente e corpo, nel suo essere mosso da passioni e talora lucidamente e follemente assassino.

«Nei video di Barney – prescisa Gambari – è soprattutto il corpo ad essere protagonista, come palcoscenico e contenitore di dimensioni che si elevano sino alla spiritualità più speculativa, alla scienza più teoretica, ma capaci di sprofondare nella carnalità più sensibile». L’altro asse di esplorazione di Barney, in tutta la sua opera, è la dimensione del tempo, come organismo di passato presente e futuro. Nei suoi video, «Il passato è un incubo da fiaba e serve a raccontare il futuro. Nel mondo di Matthew Barney -scrive Gambari – non si può entrare disattenti e veloci, con gli occhi, la mente e i sensi impegnati in altro, ingombri. Non è un posto da toccata e fuga, meglio non provarci nemmeno» Perché dentro c’è la società contemporanea, con il suo scorrere veloce, le sue contraddizioni, le sue luci e ombre, «dove elementi alti e bassi si mescolano di continuo» e la realtà va a braccetto con il sogno.

dal quotidiano Terra del 10 dicembre 2009

Posted in Arte | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

Amore e psiche, storyboard

Posted by Simona Maggiorelli su luglio 1, 2009

Amore e psiche M. Barney

Amore e psiche M. Barney

Dalle favole berbere del VI secolo a.C. alle opere di videoarte di Matthew Barney, passando per quel grande traghettatore del mito di Amore e Psiche verso l’Occidente che fu l’africano Apuleio. Idealmente la mostra pensata e curata da Miriam Mirolla che si apre oggi a Spoleto ripercorre questo lungo viaggio, raccontandolo soprattutto dal punto di vista di artisti contemporanei. «Studiando la storia dell’arte mi sono imbattuta spesso in personaggi che si sono innamorati follemente di questo mito commissionando più opere a esso ispirate come fecero Scipione Borghese e Agostino Chigi con Raffaello» racconta Mirolla che ha realizzato questa rassegna sulla traccia del suo libro Amore e Psiche, storyboard di un mito uscito l’anno scorso per Electa. «Il tema era così forte – spiega la curatrice – da appassionare intere generazioni di artisti. Nel Rinascimento da parte della committenza alta c’era il desiderio di farlo entrare nella propria vita: quasi che avere opere che lo narrano fosse sentito come un buon viatico, un’ispirazione etica per la vita privata». L’artista che meglio ha saputo rappresentare il senso profondo di questo mito che mette al centro la donna e il rapporto più profondo con il maschile «è stato Canova – dice Mirolla -, perché seppe dare corpo a quel momento in cui Amore salva Psiche dal sonno. Amore tira fuori dal regno dei morti un essere umano: è un’invenzione fortissima che da artista seppe cogliere». Perciò la sua opera è un capolavoro. «Non solo per il talento nell’esecuzione. Ma proprio per la scelta di questo e di altri momenti narrativi clou come in Amore e Psiche stanti e nelle bellissime terrecotte».

Ma se gli artisti hanno saputo irrazionalmente cogliere il senso di Amore e Psiche e rappresentarlo, non altrettanto hanno saputo fare alcuni studiosi. «Le femministe, per esempio, lo hanno rifiutato dicendo che Psiche era una masochista», nota Mirolla.

amore e psiche Kounellis

amore e psiche Kounellis

Non così la studiosa americana Karol Gilligan e con lei una certa corrente degli women stadies. Mentre la cultura occidentale si è basata sul mito di Edipo, ovvero sulla tragedia, «il mito di Amore e Psiche dà una via d’uscita dal tragico. è un mito – dice Mirolla sulla scorta di Gilligan – che non fonda le relazioni sul dolore, ma su una interazione. E questo è un nuovo modo di vedere il mondo certamente più fertile e fecondo».

L’evento. Nella Rocca Albornoziana di Spoleto  fino  al 30 agosto la mostra Amore e Psiche. Story- board di un mito con opere, tra gli altri, di Duchamp, Barney, Beecroft, De Dominicis, Tracey Emin, Robin Heidi Kennedy, Kou- nellis, Richard Long, Fabio Mauri, Kiki Smith, Cy Twombly.

dal quotidiano Terra 27 giugno 2009

Posted in Arte | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , | 3 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: